nicdark_icon_close_navigation

Automazione industriale

Che cos’è l’Automazione Industriale

Con automazione industriale si intende la somma di strumenti e operazioni che permettono di rendere il più possibile autonome, lineari e snelle le linee produttive e la logistica, riducendo la mole di lavoro richiesta agli operatori grazie all’utilizzo di macchine automatiche intelligenti, integrate con un sistema informativo altamente tecnologico. L’automazione equivale, quindi, all’insieme di differenti funzioni, che possono e devono essere opportunamente modulate a seconda delle caratteristiche ed esigenze specifiche di ciascun ambito produttivo.

Robots handshake. Robotic hands gesture of deal and agreement

Differenza tra automazione e meccanizzazione

La differenza tra automazione e meccanizzazione risiede principalmente nella necessità di una supervisione del lavoro dei macchinari da parte dell’uomo. Le prime forme di automazione erano in sostanza sistemi meccanici privi di dispositivi di controllo elettronici (ad esempio, i telai della prima rivoluzione industriale o le macchine a vapore).

 

L’automazione rappresenta un’evoluzione della meccanizzazione: ha permesso, infatti, di escludere l’uomo da attività faticose e pesanti e ha consentito di introdurre ulteriori ed importanti migliorie, come la possibilità di autoregolazione degli impianti e delle macchine, di pari passo con il maggiore controllo dell’intera linea produttiva e la predittività.

L’automazione è stata protagonista, nel tempo, di un continuo progresso: inizialmente sono stati introdotti robot antropomorfi, fino ad arrivare ai più moderni AGV e cobot. In fase iniziale, operatori e robot operavano separatamente, con il robot che spesso andava a sostituire completamente il lavoro dell’essere umano. In una fase successiva (Industria 4.0), questi sistemi e processi sono stati integrati fra loro per arrivare ad una fruttuosa collaborazione fra macchine e operatori.

Quanti sistemi di automazione industriale esistono?

L’automazione industriale può essere definita “rigida” o “flessibile”, a seconda della presenza o meno di processi produttivi prestabiliti e sequenziali.

Nello specifico, l’automazione “rigida” comprende le operazioni di processo, assemblaggio e verifica che prevedono una successione fissa di operazioni, con mansioni ripetitive e ad elevata frequenza.

Diversamente, l’automazione “flessibile” è pertinente alla gestione di materiali e prodotti, quindi alla logistica in generale, con le macchine automatiche che possono muoversi autonomamente nell’area di lavoro.

Palletizing Collaborative Boxes Sidel YFR HC20 2

Automazione rigida e Automazione flessibile

In modalità di automazione rigida, le operazioni possono essere eseguite da un solo macchinario oppure da un’isola di lavorazione formata da più apparecchi dotati di sistemi di alimentazione gestiti da software. L’asservimento macchina si può applicare a diverse tipologie di macchine industriali, precedentemente programmate per l’impiego in una singola operazione ripetitiva.

L’automazione flessibile interessa la parte di gestione di prodotti e servizi: può essere effettuata da navette elettriche, AGV, cobot progettati per collaborare con gli operatori, etichette RFID che identificano in maniera univoca le merci in entrata, da centralini telefonici integrati all’ERP che monitorano in video gli arrivi dei camion, da picking vocale e trasloelevatori per bancali.

 

Quando differenti tipologie di produzione sono amministrate automaticamente in contemporanea, allora si tratta di un sistema manifatturiero flessibile: in real time, ogni macchina può espletare lavorazioni per varie parti.

factory automation with agv and robotic arm in tra 2021 09 03 13 33 42 utc

I vantaggi dell’automazione industriale

I vantaggi dell’automazione industriale sono innumerevoli. Innanzitutto, permette di aumentare la velocità e i volumi di produzione ottimizzando al contempo le risorse. Questo è possibile grazie al monitoraggio IIOT – Industrial Internet of Things, ovvero la connessione in rete di una serie di dispositivi che sono così abilitati a comunicare tra loro e a fornire dati. L’IIOT include il controllo delle performance e dello stato delle attrezzature, dell’impiego di risorse umane e nel ciclo produttivo, e delle condizioni di sicurezza dell’operatore e del consumatore finale.

 

Quindi l’automazione industriale è in grado di migliorare notevolmente i processi di produzione e di gestire al meglio le previsioni della domanda; inoltre contribuisce sensibilmente inoltre a ridurre la possibilità di errore e i costi e ad implementare la flessibilità operativa.

 

Una funzione estremamente efficace, ad esempio, è quella della manutenzione predittiva: i dati forniti dai sensori in dotazione al macchinario o alla linea dell’impianto vengono trasmessi in tempo reale ad appositi software che consentono di anticipare il verificarsi di un eventuale guasto.

 

L’automazione industriale infine permette di tagliare i sovraccarichi di produzione e di lavoro, di ridurre l’eventualità di fermi macchine e di congestione dati IT, aumentando così l’affidabilità dell’azienda e la qualità dei suoi servizi o prodotti.

VB500[4]

CLS iMation e Automazione industriale

Per conoscere nel dettaglio le soluzioni automatiche avanzate proposte da CLS iMation è possibile contattarci tramite l’apposito modulo; In alternativa, è possibile compilare il questionario iMation dedicato. Saremo in grado di sviluppare un progetto flessibile e su misura, adattabile di volta in volta a specifiche esigenze.

HAI BISOGNO DI UN AIUTO? CONTATTACI








    Accetto di ricevere da CLS informazioni di marketing tramite email


    Contattaci